giovedì 31 luglio 2014

Impianti sportivi ad Altissimo

Il viaggiatore che, lasciata l’autostrada a Montecchio Maggiore, si inerpica nella laboriosa valle del Chiampo giunge alla fine della salita nel Comune di Altissimo. Posizionato ad oltre 600 metri di altezza si trova ai limiti della Provincia di Vicenza e confinante con quella di Verona. Sorta intorno al 13° secolo, la comunità di Altissimo vide in quel periodo l’insediamento di popolazioni di lingua tedesca. Subì quindi l’influenza scaligera e successivamente entrò a far parte del territorio della repubblica di Venezia. Con la caduta di Venezia ad opera delle truppe francesi di Napoleone alternò il dominio francese a quello austriaco, per entrare poi definitivamente nel regno d’Italia agli inizi nel 1800. Del passato il paese conserva alcune strutture artistiche, soprattutto chiese ed alcune sculture popolari.
Oggi Altissimo è una comunità in sviluppo. In dieci anni, dal 1991 al 2001 la popolazione è cresciuta di oltre il 22% ed attualmente si attesta intorno ai 2300 abitanti. È distribuita tra la zona “alta” del paese e quella “bassa”. L’economia è prevalentemente agricola e legata alla villeggiatura. Per quanto riguarda lo sport, il territorio di natura montana non ha consentito la realizzazione di impianti sportivi di alto livello. Le strutture esistenti sono legate soprattutto all’ambiente parrocchiale e scolastico, nondimeno è vivace l’attività sportiva. In particolare sono ben conosciuti i tornei di calcio estivi che richiamano giocatori ed appassionati da tutta la valle del Chiampo. “L’Amministrazione, ben conscia delle problematiche sportive, ha sempre cercato di dare risposta alle richieste della popolazione – afferma il sindaco Liliana Monchelato - soprattutto dei giovani, per i quali le strutture costituiscono un notevolissimo centro di aggregazione sociale e di riferimento”.  In aggiunta alla palestra scolastica ed al campo di calcio, situati però nella parte “bassa” del paese, è stata realizzata una piastra polivalente capace di dare risposta alle necessità della parte “alta” del Comune consentendo non solo la possibilità di praticare diverse discipline sportive, ma appunto, dando modo anche ad una significativa porzione di cittadini, prima svantaggiati, di partecipare attivamente alle manifestazioni sportive.  Dell’impianto poi può avvalersi anche chi trascorre in Altissimo periodi di villeggiatura, con soddisfazione quindi anche della domanda aggiuntiva, soprattutto nel periodo estivo, che proviene dalle presenze turistiche. In ogni caso per il Comune di Altissimo per i suoi abitanti la dotazione impiantistica riveste primaria importanza, da conseguire con lo sforzo e l’impegno di tutte le parti interessate. L’impegno finanziario riguardante la struttura è stato sostenuto dal Comune con l’appoggio dell’Amministrazione regionale. L’obiettivo e la speranza è di poter incrementare il patrimonio impiantistico comunale, sia per quanto riguarda il numero e la tipologia degli spazi di gioco, sia per quanto riguarda la dotazione degli spazi esistenti, al fine di renderli meglio fruibili dalla popolazione e non solo per quanto riguarda le ore di utilizzo ma anche per le fasce di praticanti. Obiettivo ben presente nelle strategie politiche regionali e molto a cuore dell’Assessore regionale allo sport, Massimo Giorgetti. [Fonte]

Nessun commento:

Posta un commento